Connect with us

primo piano

Dilettanti, c’è chi propone il blocco retrocessioni

Published

on

Studi da noi commissionati stimano una potenziale perdita del 30% delle società, essenzialmente per scomparsa di sponsorizzazioni”. Esordisce così Cosimo Sibilia, presidente della LND, in una riunione telematica organizzata dal portale Tzoone, riportata ieri dall’edizione cartacea del Corriere dello Sport. “Serviranno interventi di Governo, Coni e Figc, perché noi siamo la base del calcio: gran parte dei giocatori professionisti si formano nei vivai dei nostri club”.

Alla conferenza hanno partecipato anche alcuni presidenti dei comitati regionali, che hanno detto la loro sul format da adottare per concludere la stagione. Il presidente del Comitato Regionale del Veneto, Giuseppe Ruzza, ha detto che “non vediamo possibilità per ripartire. Se da una parte è giusto il tentativo di far riattivare l’economia, dall’altra mi rendo conto che i protocolli stabiliti e ipotizzati siano totalmente impraticabili. Sono complicati da rispettare per alcuni club di Serie A, figuriamoci per noi. Non c’è alcuna possibilità di prevedere un protocollo standard che vada bene per entrambe le categorie”.

Il massimo esponente del CR della Calabria Saverio Mirarchi, ha aggiunto, invece, che sarà privilegiata l’idea di premiare le promozioni e non punire le squadre in lotta per non retrocedere. Dal nord al sud, siamo tutti uniti nel seguire un unico pensiero: privilegiare l’aspetto sociale, la crescita dei ragazzi e dei valori come la lealtà”.

Advertisement
Click to comment
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Facebook


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: