Connect with us

Eccellenza

Vademecum per la ripartenza – Dilettanti e Giovanili

Published

on

In questi giorni, abbiamo spulciato il Protocollo attuativo per la graduale ripresa del calcio giovanile e dilettantistico, pubblicato dalla FIGC qualche giorno fa, per capire al meglio quali precauzioni e indicazioni debbano essere seguite, dalle società di calcio, per tornare in campo. Ovviamente, tra le premesse del documento, si specifica che ad oggi NON ESISTE una data per la ripresa dei campionati, e che servirà totale accuratezza (o senso civico, che dir si voglia) da parte di tutti all’interno dei centri sportivi, perché non si potrà più “vivere” il centro sportivo come abbiamo sempre fatto. Ecco, quindi, un Vademecum delle regole che, in parole povere, dovranno essere seguite:

LE STRUTTURE / Le disposizioni relative a queste sono molto simili a quelle degli esercizi commerciali, dei supermercati e dei luoghi pubblici in generale. Sarà necessario, infatti:
Differenziare i punti di accesso;
Areare i luoghi e gli ambienti chiusi senza utilizzare sistemi di ricircolo;
Individuare un referente sanitario per la società;
Evitare – se possibile – l’utilizzo di spogliatoi e docce (se proprio devono essere usati, obbligatorio starci poco e sanificarli dopo l’uso);
Disporre di un dispenser per igienizzarsi;
Dotarsi di un termometro a infrarossi per rilevare la temperatura a distanza.
LE PERSONE / Gli addetti ai lavori dovranno:
– Se possibile, lavorare “da remoto” (ovvero da casa o da un luogo che non sia lo stesso centro sportivo: abbiamo visto, in questi mesi, che lo smart working può essere fatto da dove si vuole);
Gestire, attraverso un referente (magari un medico sociale), i documenti sanitari e di idoneità;
Fornire un protocollo su cui basarsi nel caso in cui qualcuno venga a contatto con un contagiato;
Fornire un protocollo con le misure standard per prevenire il virus all’interno dei centri sportivi.
PRIMA E DOPO L’ALLENAMENTO / Chi potrà entrare, come dovrà farlo, cosa dovrà indossare:
Potranno accedere agli impianti soltanto gli utenti strettamente necessari (giocatori, allenatori, dirigenti, collaboratori tecnici);
Si dovrà registrare la presenza di chi entra nel centro sportivo e si dovrà individuare un posto di accoglienza per l’ingresso contingentato;
Gli operatori, durante le attività, dovranno OBBLIGATORIAMENTE essere forniti di guanti, mascherina, gel igienizzante, bottiglia/borraccia personale e di scarpe da utilizzare solo nel corso della seduta.
I giocatori dovranno entrare in campo in gruppi scaglionati (stessa modalità per l’uscita);
– In generale, si dovrà indossare la mascherina prima e dopo l’allenamento.
DURANTE L’ALLENAMENTO / Misure strettissime che bisogna obbligatoriamente seguire:
Non sono permesse le attività di contatto, ma solo esercizi dove è previsto il distanziamento di 2 m tra calciatori (in poche parole, si potranno fare esercizi atletici o di tecnica se a distanza di 2 m);
Lo staff dovrà indossare la mascherina e stare a 4 m dal gruppo di calciatori;
– Si dovrà igienizzare ogni strumento dopo ciascun utilizzo;
– Si dovranno delimitare gli spazi di gioco;
– La divisione in gruppi di lavoro dovrà essere garantita da un numero sufficiente di allenatori per gruppo;
È vietato l’uso delle pettorine;
– Sono da evitare i tempi di inattività nel passaggio da un’attività a quella successiva;
– Per soffiarsi il naso sarà necessario uscire dal campo e igienizzarsi nell’apposita stazione.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: