Connect with us

primo piano

I pali fermano la Pianese: il Follonica Gavorrano passa di misura nel big match

Published

on

Pianese

PIANESE – FOLLONICA GAVORRANO 1-2
MARCATORI: 56’ Mencagli (FG), 75’ Vai (P), 77’ Bruni (FG)
PIANESE: Wroblewski, Ambrogio (46’ Sabatini), Chinnici (66’ Lo Iacono), Gagliardi (89’ Islamaj), Bernardini, Simeoni, Marino (75’ Vai), Kondaj (46’ Lepri), Arras, Candiano, Zini An. A disp. Sorzi, Misimovic, Tampwo, Vinciarelli.
All. Guido Pagliuca
FOLLONICA GAVORRANO: Trombini, Bruni, Dierna, Apolloni (30’ Guazzini), Grifoni, Berardi, Mencagli, Papini (62’ Zini Al.), Farini (86′ Rosini), Corioni, Lo Sicco (69’ Gemmi). A disp. Ombra, Monni, Usei, Luzzetti, Ampolini.
All. Giancarlo Favarin
ARBITRO: Pezzopane di L’Aquila (Fabrizi-Tasciotti)
NOTE: Angoli 5-5. Ammoniti Farini, Marino, Guazzini, Corioni, Berardi, Simeoni, Dierna. Recupero 2’ pt, 5’ st

Il 7 aprile del 2019 la vittoria della Pianese sul campo del Gavorrano portò i bianconeri allo storico rush finale culminato con il passaggio in Serie C. In questa prima partita in notturna nel rinnovato Stadio Comunale di Piancastagnaio, gli equilibri sono resistiti fino all’inizio del secondo tempo: poi, un Follonica Gavorrano irriconoscibile ha saputo portarsi avanti caparbiamente e portare a casa l’intera posta in palio.
Al 12’ arriva la prima, incredibile palla gol per la formazione di casa: Candiano scambia fuori area con Arras, che di prima a mezz’altezza serve Zini: il numero 11, ingannati i difensori sul filo del fuorigioco, conclude col piatto sinistro incredibilmente a lato; poco dopo, una bella trama offensiva prodotto da Marino, arrivato la settimana scorsa dall’Anconatese, porta Arras a tu per tu con Trombini: il salvataggio dell’estremo difensore sull’esterno dell’attaccante è miracoloso. Sempre Marino, al 24’, colpisce il palo su cross. È una Pianese arrembante, che vuole togliersi ad ogni costo dalla zona bassa della classifica e che continua a produrre occasione dopo occasione: è clamoroso il secondo palo di giornata che colpisce grazie all’estro di Candiano, infermabile sulla fascia, e alla caparbietà di Arras, che dribbla Dierna e spara sul montante. Il Follonica Gavorrano è tutto nella punizione di Lo Sicco, che Wroblewski blocca centrale senza troppi problemi. Termina così il primo tempo, con uno 0-0 che alla Pianese va stretto come i jeans skinny che cominciarono ad andare di moda ormai quindici anni fa.
La ripresa si apre con un doppio cambio per la Pianese, con cui Pagliuca ridisegna la formazione in campo. Gli amiatini iniziano come avevano concluso: l’incursione in area di Candiano con conseguente cannonata sul primo palo – in stile Balotelli in Italia-Germania agli Europei del 2012 – termina, per la terza volta contro il montante. Incredibile come, a volte, la sorte si accanisce contro di te: dopo tre pali e diverse notevoli occasioni, gli ospiti grossetani passano in vantaggio. Mencagli resiste a Chinnici, confonde con un gioco di gambe Bernardini e Gagliardi e di punta la infila sotto il corpo di Wroblewski. Una vera e propria doccia fredda per i padroni di casa, che rischiano di capitombolare poco più tardi sulla capocciata dell’ex Dierna, di poco alta sopra la traversa. Il Follonica Gavorrano prende fiducia e mette alle strette la Pianese: per una ventina di minuti il match diventa nervoso e caratterizzato soltanto dalla girandola dei cambi. Vai, neoacquisto entrato al posto di Marino, ci mette soltanto un minuto per rimettere i giochi in equilibrio: su cross di Gagliardi, l’ex Lecco schiaccia di testa e supera Trombini. Pagliuca, galvanizzato dal gol, estremamente euforico invade il campo abbracciando i suoi. Il pareggio, però, dura pochissimo: al 77’ Bruni duetta con Gagliardi, che involontariamente gli restituisce palla all’interno dell’area di rigore e gli consente di gonfiare la rete per il nuovo vantaggio ospite. La Pianese continua il duello con la sorte, colpendo un’ennesima traversa (la quarta di giornata!) con la conclusione di Vai sporcata dal portiere rossoblu. Finisce così: con qualche calcio d’angolo e qualche cartellino in più per la Pianese, sfortunatissima in questo neanche troppo freddo pomeriggio di metà dicembre. I grossetani si portano così a dieci punti e si tolgono da una zona di classifica che per i senesi si fa sempre più cupa.

Advertisement
Click to comment
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Facebook


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: