19 Luglio 2024
Pubblicità
HomeNewsScoprite la classifica delle nazioni più assetate di alcol: una sorpresa incredibile...

Scoprite la classifica delle nazioni più assetate di alcol: una sorpresa incredibile per l’Italia!

Un nuovo studio svela il livello di alcolismo dei paesi nel mondo e le sorprese non mancano. Secondo la CIA, che ha condotto la ricerca su 189 nazioni, l’Europa si posiziona tra i primi posti, ma ad essere in cima alla lista non è l’Italia come ci si potrebbe aspettare. Il Regno Unito, noto per la sua passione per la birra, si è invece piazzato al di sopra delle altre nazioni europee arrivando tra i primi 25 paesi.

Pubblicità

Dal vino all’American way: L’Italia e gli Stati Uniti, due culture diverse nel consumo di alcolici

L’Italia, con la sua rinomata produzione di vino che la rende leader mondiale, ha un approccio diverso al consumo di alcolici. Considerata una nazione più “sofisticata” in termini di bevande alcoliche, gli italiani non sono da meno quando si tratta di bere. Anche se non sono nella top 25, gli italiani amano godersi un bicchiere di vino durante i pasti e apprezzano anche altre bevande alcoliche.

consumo alcolici CalcioSenese.it
consumo alcolici CalcioSenese.it


Gli Stati Uniti invece rientrano nella lista dei primi 35 paesi consumatori, con una cultura che promuove consumi più ampi in generale, non solo di alcol. Ad esempio, mentre negli Stati Uniti si trova la possibilità di ordinare bibite extra-large, in Italia la quantità maggiore si ferma a 0,4 litri.

Consumo di alcolici in Italia: una posizione a rischio, ma non tra i primi paesi in classifica

Ma qual è la posizione dell’Italia per il consumo di alcolici? Nonostante sia ancora in una posizione a rischio di alcolismo, è importante sottolineare che non è tra i primi paesi in classifica. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’Europa in generale ha il più alto consumo pro capite di alcol di qualsiasi continente al mondo, ma l’Italia si trova al 51° posto a livello globale.

Pubblicità

Ciò significa che, sebbene ci sia ancora un rischio, è contenuto rispetto ad altre nazioni come Regno Unito e Stati Uniti. Sorprendentemente, la Spagna, che sembra avere abitudini simili all’Italia, si posiziona al 17° posto in classifica.

In conclusione, l’Italia, nonostante non sia in cima alla lista del consumo di alcol, continua a mantenere una cultura che apprezza le bevande alcoliche, soprattutto il vino. Anche se la situazione è preoccupante, soprattutto in termini di continuità nel consumo, l’Italia si trova in una posizione migliore rispetto ad altri paesi europei e non europei. Tuttavia, è sempre importante fare attenzione e consumare alcol con moderazione per evitare problemi di salute legati all’abuso di alcol.